martedì 20 febbraio 2018

L'agire nella virtualità modifica la realtà



(Immagine presa dal web)
"Se puoi sognarlo, puoi farlo". (Walt Disney)

Il mondo esterno, che ci piaccia o no, è frutto di una nostra creazione/proiezione interiore. Cosa state vivendo in questo momento? In quale situazione vi trovate? Beh, sappiate che l'avete creata voi, è tutto merito vostro, che vi piaccia o no, che vi lasci del tutto indifferenti, spiazzati, vi faccia perfino arrabbiare, ciò non cambierà minimamente le carte in tavola.
 
Ciò che può fare la differenza allo scopo di modificare la realtà è il PRENDERNE COSCIENZA. Cosa significa? Vuol dire che, invece di continuare ad agire in maniera meccanica riproducendo, ad esempio, situazioni frutto di lamentele reiterate nel tempo, malcontento o conflitti inconsci, avete la possibilità, attraverso un lavoro su di voi volto all'autosservazione, di modificare la vostra realtà esterna attraverso la presa di coscienza di quella interna.
Sì, perchè TUTTO PARTE DA DENTRO DI NOI PER POI MANIFESTARSI ALL'ESTERNO. IL PENSIERO CREA, CI VUOLE DEL TEMPO, BISOGNA CONTINUARE A PENSARE SEMPRE NELLA STESSA MANIERA FINO A FARLO CRISTALLIZZARE NEI NOSTRI AUTOMATISMI PSICHICI. Dopo, all'improvviso, accadrà ciò a cui avremo maggiormente pensato, succede nel mondo della forma ma prima, ricordatelo bene, è stato da noi pensato in continuazione, spesso in maniera ossessiva.
(Immagine presa dal web)
Non è che le cose accadono dall'oggi al domani o, come dicono molti umanoidi, succede a causa del destino che è già scritto per ciascuno di noi (da chi? tutte stupidaggini!). Le cose accadono perchè sono state da noi pensate, desiderate/temute (poco importa, la Legge dell'attrazione, dopo un pò, ce le spedisce per come le abbiamo pensate, fregandosene del fatto che ci piacciono o meno e tenendo presente il solo fatto che a quello abbiamo pensato) fino a far collassare la funzione d'onda contenente l'evento immaginato fino a quel momento.
In pratica la realtà è frutto di un'immaginazione creativa (positiva o negativa, poco importa) da parte della nostra mente ed è, di conseguenza, FRUTTO DI UN PENSIERO CREATO NELLA VIRTUALITA' DELLA NOSTRA MENTE.
(Immagine presa dal web)
Di conseguenza, come risulta evidente da quanto accennato fino ad ora, ogni evento esterno, prima ancora che possa entrare a far parte delle nostre Vite, può essere modificato ma solo se si ha coscienza della propria capacità di poter interagire e modificare gli eventi prima che accadano, nella virtualità della propria mente.
Questo processo di modificazione della realtà attraverso l'immaginazione virtuale-creativa, somiglia ai progetti, ai disegni creati al computer, attraverso i programmi grafici, delle automobili, delle moto, delle opere urbane quali ponti, case e strade.
(Immagine presa dal web)
Così come col computer si possono creare opere che andranno ad essere inserite nella realtà quotidiana, allo stesso modo, nella nostra testa noi possiamo creare, e modificare se il "progetto" non ci piace, la nostra Vita coi suoi accadimenti quotidiani fino a creare la realtà dei nostri sogni.
Certo, tutto ciò sembra facile a parole, ma nella realtà è tutto diverso..... ALT! Avete letto cosa ho scritto prima? Sì, poco prima dell'ALT! Se pensate che tutto quello che avete letto finora sia inattuabile, inammissibile, impossibile avete due scelte: o trasformare queste tre parole nei loro contrari (attuabile, ammissibile, possibile), oppure continuare a vivere la vostra Vita nel caos e nella casualità nella speranza che il "destino", almeno per voi, sia stato scritto in maniera tale da far realizzare i vostri desideri senza la vostra compartecipazione interattiva.
Vincenzo Bilotta
Essenza Consapevole: L'agire nella virtualità modifica la realtà

domenica 18 febbraio 2018

Il tuo corpo - Osho

 Immagine correlata
"La cosa fondamentale è iniziare ad avere radici sempre più solide nel corpo. Sentilo sempre di più, godine l’azione; al mattino va’ a correre e godi il tuo corpo in movimento, senti l’energia che la corsa sprigiona. Va’ a nuotare, godi il tuo corpo che fluttua nel fiume, godi la carezza dell’acqua. Fai jogging, danza, salta all’aria aperta, sotto il sole e lascia che il corpo torni a fremere di gioia. Questa è la prima cosa da fare… e ricordati di respirare profondamente. Quando ti sentirai di nuovo nel corpo, quando ti sentirai di nuovo vivo nel tuo corpo, nove problemi su dieci scompariranno!" Osho